Skip to content
Close
Hit enter to search or ESC to close

I luoghi del festival

 

Proiezioni Festival / Teatro Tina di Lorenzo

Teatro comunale Tina Di Lorenzo, sito in piazza XVI maggio 1

Un piccolo gioiello nel cuore del centro storico, dallo stile neo-classicheggiante (la sua costruzione è stata completata nel 1870) si sviluppa su due piani con una facciata in colonnato, decorazioni in rilievo e capitelli ricchi di motivi floreali. L’interno conta 300 posti a sedere nella stagione classica fa sold out ad ogni rappresentazione, ma oltre alle rappresentazioni teatrali delle Compagnie italiane più importanti sono tanti gli eventi che vengono ospitati nel corso dell’anno. A gestire il Teatro è presente la Fondazione “Tina Di Lorenzo” presieduta dal Sindaco, Corrado Bonfanti.

Fuori Concorso / Palazzo Ducezio, Bassi

Palazzo Ducezio, sito in Piazza Municipio 1.

È la casa Comunale, il simbolo della Città e porta il nome del fondatore Ducezio, re dei Siculi. Progettato dall’architetto Vincenzo Sinatra nel 1746, completato nel 1830 e la parte alta eretta nella prima metà del XX secolo dall’architetto Francesco La Grassa. È normalmente meta di turisti grazie anche alla stupenda Sala degli Specchi, salone ovoidale, con particolarità uniche nei suoi dipinti come l’affresco neoclassico del pittore Antonio Mazza che raffigura la fondazione di Noto.

Seminario / Sala Dante

Sala Dante del Teatro Tina di Lorenzo, sito in piazza XVI maggio 1

È il Palazzo dei Principi della città oggi nel patrimonio comunale e sede di moltissimi eventi culturali e non, come il recente conferimento della Cittadinanza Onoraria a S.A.R. Principe Alberto II di Monaco, aperto quotidianamente alle visite dei turisti, è anche sede della Biblioteca comunale “Principe di Villadorata” e dell’Emeroteca. Simbolo di ricchezza artistica, i suoi balconi sono definiti i più belli in stile barocco, e di opulenza conta ben 90 ambienti, fu progettato da Rosario Gagliardi ed i lavori, iniziati nel 1720, furono completati con la partecipazione del Sinatra nel 1765.

Workshop / C.U.M.O. Consorzio Universitario Mediterraneo Orientale

C.U.M.O. Consorzio Universitario Mediterraneo Orientale ha sede presso il Palazzo Giavanti, ex convento francescano di Santa Maria di Gesù, in via Santa Sofia 78

L’università della città con diversi corsi di laurea, Summer School, Master e Corsi di specializzazione.

La storia di questa struttura e di ciò che ha ospitato è ricca e inizia nella ricostruzione della nuova città dove si è rifondato il Convento voluto nel 1440 dai Minori Osservanti nella Noto Antica. Solo nel 2009, dopo il completo restauro è stato destinato dal Comune a sede del Cumo divenendo presto un punto di riferimento non solo per gli studenti ma anche per le numerose iniziative scientifiche e culturali, legate anche agli indirizzi di studio presenti.

INFOPOINT di Noto

Notoinforma Infopoint, sito in corso Vittorio Emanuele 135
All’interno della restaurata chiesa della Santissima Trinità,  edificio sconsacrato da tempo, da poco più di un anno ha sede l’Infopoint, gestito dalla Cooperativa Tempora che si occupa dell’accoglienza turistica a tutto tondo. Dalle informazioni spicciole alla realizzazione di visite guidate e tour con guide multilingue, dalla gestione dei biglietti di musei, mostre ed eventi presenti in città al supporto per i visitatori che desiderano spostarsi in treno o in pulman. Inoltre nella bella location, curata in ogni dettaglio per essere ospitale e funzionale, è possibile trovare diversi souvenir e prodotti tipici.

 

DOVE DORMIRE

Il castello – Ostello della Gioventù
Il Castello, ostello della gioventù,  via Fratelli Bandiera, 1. Noto
Situato nel cuore del centro storico di Noto Barocca (Noto Alta), in un edificio settecentesco ristrutturato di recente che ha una posizione invidiabile con uno splendido panorama sulla città e sul territorio sino al mare. La struttura è Membro dell’Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù, nonché socio dell’International Youth Hotel Federation. Si presenta dotata di tutti i comfort per una vacanza indimenticabile.

Hotel Flora
Hotel Flora,Via Pola 1. Noto
L’Hotel Flora è immerso nel centro storico di Noto, proclamata dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità. Una struttura dal design moderno e accogliente nel cuore del barocco siciliano.

DOVE MANGIARE

Caffé Sicilia, la tradizione della pasticceria di qualità. Corso Vittorio Emanuele 125, Noto.
Dici Caffè Sicilia Noto e dici Corrado Assenza, Maestro Pasticcere di fama internazionale. Ed ecco perché in pieno centro storico, lungo il miglio d’oro rappresentato da Corso Vittorio Emanuele, lo storico locale nato nel secolo scorso è tappa obbligatoria per visitatori, turisti e non. Conoscere una città significa scoprirne sapori e profumi e il Caffè Sicilia è il luogo giusto per incontrare l’autentica esaltazione dei prodotti tipici, fatti con materie prime di altissima qualità, ma anche per lasciarsi catturare da inusuali e insospettabili connubi. Tranci di torta, semifreddi, pasticcini, gelati, confetture dove possiamo assaggiare la mandorla di Noto, ma anche il pomodoro, lo zafferano, il cacao, la vaniglia, l’acciuga, il fiordilatte, il peperone e così via. Il tutto sapientemente proposto nei dolci, e nei gelati, nelle torte come nelle confetture. Insomma essere stati a Noto, significa aver fatto una capatina al Caffè Sicilia, magari incontrando il Maestro Assenza, se no il nostro viaggio sarà rimasto a metà.

Tannur via A. Mauceri, 3. Noto.
Tutti i popoli che si sono succeduti nella dominazione della Sicilia hanno lasciato la propria traccia nella gastronomia locale ed è per questo che oggi la cucina siciliana è il risultato di tante culture e tradizioni, che però fonda la propria autenticità sulla qualità dei prodotti della sua terra e sulla maestria di quanti riescono ad unirli, esaltandone profumi e sapori autentici. Il ristorante Tannur offre piatti tradizionali, in cui colori decisi e sapori semplici possano farvi vivere l’identità culinaria di una terra da sempre crocevia di culture straordinarie. I piatti sono accompagnati da un’accurata selezione di vini e birre siciliani.